bildschirmfoto-2017-11-07-um-10-58-08

Tutti i benefici dei migliori impianti di biogas in Italia

Prima dell’inizio della green technology expo “Ecomondo” a Rimini, il CTO di Botres Global, il Dr. Markus Grasmug ha condiviso la sua opinione sullo sviluppo delle tecnologie legate ai biogas in Italia.

A parte l’expo di Rimini, in questo periodo c’è anche la conferenza delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico a Bonn. Qual è l’impatto degli impianti a biogas nel contesto del cambiamento climatico globale?

Solo in Europa produciamo annualmente più di 100 milioni di tonnellate di rifiuti e residui organici. In Europa, anche se a metà degli anni ‘90 si è cercato di regolare il trattamento dei rifiuti organici, vietandone lo smaltimento nelle discariche, c’è ancora un volume incredibilmente elevato di tali rifiuti che non vengono trattati seguendo queste norme. Parlando del resto del mondo, beh, i rifiuti organici vengono scaricati nelle discariche illegalmente, o addirittura legalmente. Tali residui, oltre a contaminare le falde acquifere, producono anche molte emissioni incontrollate di gas serra. I processi messi a punto nei nostri impianti, seguno rigorosamente il principio di emissione zero durante tutto il processo, dal pretrattamento di digestione anaerobica, fino alla digestione. Questo approccio è stato particolarmente sviluppato per il mercato italiano.

Qual è lo stato attuale delle tecnologie di biogas adottate in Italia?

Secondo l’associazione Worldbiogas esistono attualemente circa 2.000 impianti a biogas in Italia. Il problema più grande è che una percentuale elevata non funziona correttamente. Soprattutto nel settore agricolo, la tecnologia adottata consiste in un serbatoio di fermentazione “piatto” con un grande diametro assolutamente non adatto alla FORSU (frazione organica dei rifiuti solidi urbani).Pertanto, molti impianti vengono chiusi semplicemente perché la tecnologia impiegata non è in linea con gli standard richiesti.

Tutti gli sviluppatori di tecnologie di biogas sostengono di offrire la soluzione migliore – quale approccio tecnologico impiega Botres Global nei propri impianti di biogas?

In questo momento ci sono tantissimi concorrenti, così come diversi approcci e tecnologie per produrre energia da residui organici. A mio parere, la tecnologia più riuscita è quella che oltre ad avere prestazioni elevate, può anche trattare un grande volume di rifiuti organici. Il successo della tecnologia di Botres, è riscontrabile negli impianti dove è già stata implementata. Un esempio è lo stabilimento di gestione dei rifiuti S.E.S.A, a Este (PA), dove vengono trattate più di 400.000 tonnellate di FORSU ogni anno.Un altro esempio sono gli impianti chiavi in mano sviluppati da Boters in Turchia, che ci hanno fatto diventare uno dei più importanti fornitori di energia verde del Paese.

Perché il mercato biogas italiano è importante per Botres Global?

Botres Global ha un’ampia esperienza nel mercato italiano dei rifiuti organici. Uno dei nostri punti di forza, è l’eccezionale macchinario di pre-trattamento – Bio Scraper – sviluppato specificamente per la FORSU italiana; inoltre, siamo stati in grado di affrontare e risolvere tutti i problemi che si possono presentare a un operatore di strutture come queste.L’Italia è uno dei paesi leader nel settore del biogas. Sebbene un gran numero di installazioni non funzioni correttamente, il governo italiano ha incentivato le aziende per oltre un decennio per cercarre di affrontare in modo sostenibile il problema dei rifiuti. Soprattutto a causa dei grossi problemi legati allo smaltimento dei rifiuti nelle regioni meridionali del Paese. Negli ultimi anni, Botres ha costruito un vasto network in Italia, e gestisce una propria filiale a Bolzano, nel rispetto delle prassi giuridiche e ambientali in vigore in Italia

Botres Global progetta, costruisce e gestisce in tutto il mondo moderni impianti di biogas che producono energia pulita, acqua pulita, fertilizzanti di alta qualità e mangimi ricchi di proteine a partire da rifiuti organici. Tutto questo a emissioni zero.

È interessato? Ci contatti: Botres Global GmbH

office@botres.com

+43 660 717 86 85

L’intervista è stata realizzata da Sofia Peron, studentessa di Milano, che sta preparando la sua tesi per un Master in Environmental Sciences.